camera cafè

Editoriale: cartolina da #Italia5Stelle 2017

Postato il

di Silvio Torre

Un folla festosa con le bandiere, le famiglie con i bambini liberi di giocare e non c’era una cartaccia per terra: arrivi a Rimini per Italia 5 Stelle e sei subito sicuro di avere trovato il posto giusto. Un (non troppo) breve controllo all’ingresso per controllare gli zaini nel rispetto delle nuove e stringenti leggi antiterrorismo e ricevevi il braccialetto con un codice a barre per contare gli ingressi una singola volta e con precisione il numero dei visitatori. Da questo momento potevi entrare. Ovunque c’erano agorà improvvisate od in scaletta, spazi istituzionali (Europa, Senato, Camera dei deputati, Regioni, Amministrazioni locali) tutto attorno al palco centrale dove si alternavano a Grillo, di Maio ed alle esperienze dei nostri portavoce momenti di musica e di approfondimento. Come Umbria c’eravamo, con i tanti attivisti e portavoce di comuni della regione consiglieri regionali, ad alternarci tra il nostro padiglione a raccontare cosa succede e cosa stiamo facendo sia nelle proposte e  realizzazioni che nelle ferme proteste come l’occupazione della sala del Consiglio regionale. A metà tra un banchetto informativo come quelli dell’origine del Movimento che un vero e proprio “stand” istituzionale perchè in realtà siamo realmente già nelle istituzioni, senza perdere quelle caratteristiche che rendono unico il nostro modo di essere cittadini che provano a farsi carico di uno stato: ad esempio abbiamo portato i prodotti della nostra terra.

Un successo la manifestazione per qualità e per organizzazione. Ed il luogo scelto, Rimini, è una città raggiungibile accogliente e vitale. Il resto è cronaca: Eravamo tantissimi, Luigi di Maio un grande, gli interventi dei nostri parlamentari ed europarlamentari sono stati seguiti ed apprezzati, tanta gente si è interessata alle nostre battaglia, al modo di fare opposizione, al modo di fare informazione verso i cittadini. Ed in tanti si stanno avvicinando al Movimento per poterne fare parte.

Rimaniamo però con i piedi per terra perchè il percorso è davvero ancora molto lungo e le difficoltà non mancano ed aumenteranno nei prossimi mesi ma quello che si è messo in moto, non senza difficoltà, è qualcosa di molto grande e molto bello, e merita tutto il sostegno possibile. Ricordiamocelo sempre, e diciamolo anche a chi ha ancora dei dubbi.

 

Annunci

4 mesi a 5 Stelle

Postato il Aggiornato il

di Lugi di Maio, Cittadino a 5 Stelle vicepresidente alla Camera dei Deputati della Repubblica Italiana

motecitorioLE COSE FATTE – I FATTI del Movimento 5 Stelle – negli ultimi 4 mesi di attività parlamentare sono un patrimonio, perchè ottenute nelle peggiori condizioni possibili.
Siamo una forza di opposizione che ha CONTRO due terzi dei parlamentari (maggioranza più che anomala) e lavora in un Parlamento totalmente svuotato dei suoi poteri (zero leggi di iniziativa parlamentare). Ogni risultato l’abbiamo portato a casa provandoci in tutti i modi, con emendamenti qua e là nei decreti, con il coinvolgimento dell’opinione pubblica, etc.

+++ Questi risultati li abbiamo portati a casa da OPPOSIZIONE e in soli 4 mesi. Ora immaginiamo se fossimo al Governo +++

|ELENCO RISULTATI OTTENUTI|

FONDO PER IL MICROCREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
Approvato al Senato un emendamento M5S che consentirà agli imprenditori di ottenere prestiti anche grazie ai tagli ai costi della politica, come i milioni di euro restituiti ogni tre mesi dai 5 Stelle, che finanzieranno cosi l’economia reale, non la speculazione finanziaria

INTERNET: FAVORIRE L’ACCESSO NELLE ZONE RURALI
Approvato in Commissione Bilancio – Affari Costituzionali del Senato l’emendamento del MoVimento secondo cui le azioni per favorire l’accesso alla rete internet vengano estese anche alle zone rurali.

OPEN SOURCE: USO PRIORITARIO NEI PUBBLICI UFFICI
Approvato dalla Commissione Bilancio – Affari Costituzionali del Senato l’emendamento del MoVimento che prevede l’uso prioritario di prodotti open source nelle pubbliche amministrazioni.

CASO UVA: ISPETTORI ALLA PROCURA DI VARESE
Il Guardasigilli risponde ad un Questione Time posto dal M5S sulle responsabilità della Procura di Varese nella morte di Giuseppe Uva, e accetta di mandare gli ispettori del Ministero della Giustizia. Leggi il seguito di questo post »

L’Italia è una comunità

Postato il Aggiornato il

Presidente,

bandiera italiaintervengo a nome del MoVimento 5 Stelle in qualità di portavoce di una regione del centro Italia che da sempre è stata non belligerante ed estranea alla lotta tra nord e sud, tra settentrione e meridione.

Il MoVimento 5 Stelle non vuole essere strumentalmente utilizzato per fare una lotta tra poveri. Pertanto siamo oltre la logica spartitoria del territorio e riconosciamo l’Italia intera, nella sua interezza.

Il MoVimento 5 Stelle è oltre il nord e il sud e riconosce l’Italia tutta come comunità.

 Pertanto, in questa misura, riscontriamo una mancanza di criterio nella allocazione delle risorse. Non c’è, ancora una volte, in questa logica di distribuzione a pioggia delle risorse, una visione integrata del sistema economico Italia e non c’è una cura nella destinazione degli investimenti e nei criteri di spesa.

 

Il MoVimento 5 Stelle ritiene che distribuire a pioggia le risorse non serva, ma, anzi, quello che occorre fare – e che il MoVimento 5 Stelle pretende – è un controllo, una attenzione alla trasparenza e alla legalità nell’allocazione delle risorse. Pertanto, ci impegneremo affinché l’Unione europea riconsideri questa questione del Mezzogiorno, in quanto, per noi, esiste l’Italia, l’Italia intesa come comunità, al di là del settentrione e del meridione oppure del centro.

Tiziana Ciprini, Deputato a 5 Stelle dalla Regione Umbria

Gallinella (M5S) sul decreto “del Fare”

Postato il Aggiornato il

Signor Presidente, colleghi,

taccuino umbria coloreoggi cominciamo a discutere (in realtà la discussione è finita, sono l’ultimo iscritto a parlare) un altro decreto-legge, il decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, detto «del fare». A questo punto, sentiti già tutti, posso aggiungere solo: speriamo

  Desidero innanzitutto ricordare quanto è accaduto la settimana passata, quando vi è stata la conversione in legge del provvedimento relativo al commissariamento dell’Ilva, del quale non siamo certo soddisfatti, ancor meno dopo la nota di Bondi sulle cause di certe patologie attribuibili ai comportamenti dei tarantini (Applausi dei deputati del gruppo MoVimento 5 Stelle). Ricordando anche le parole del Ministro Lorenzin, ci viene il sospetto che a questo Governo forse piace dare la colpa direttamente ai cittadini, piuttosto che ammettere di avere sbagliato.

   Ma tralasciamo tutto questo e veniamo a parlare del decreto-legge. Il decreto-legge nasce con 86 articoli. Anche altri colleghi oggi hanno parlato dei vari titoli che lo costituiscono: il titolo I contenente misure per la crescita economica, il titolo II riguardante le semplificazioni, il titolo III riguardante misure per l’efficienza del sistema giudiziario e definizione del contenzioso civile. Senza andare a vedere nel dettaglio (non voglio annoiarvi con argomenti di cui abbiamo già parlato), con questa breve descrizione vorrei far capire che questo nome «decreto del fare» potrebbe essere già sostituito con «mille cose su cui lavorare» o «di tutto un po’». Sarà fatto bene ? Sarà fatto male ? Sarà veramente utile ? La sua applicazione sarà possibile ? Leggi il seguito di questo post »

Diario quotidiano – 26 aprile 2013

Postato il Aggiornato il

Carla Ruocco

Buonasera ragazzi!

Il diario del M5S di Carla Ruoccoanche oggi è stata un giornata molto impegnativa sul fronte ‘commissione speciale’.
Vedrete presto un video che vi metterò a disposizione per descrivervi meglio il lavoro.
Intanto si è saputo che le trattative del pdl pd-l per il governo sono andate a buon fine. D’altronde non avevamo mai avuto dubbi!! LA SCELTA DI NAPOLITANO SU RODOTA’ ERA SOLO L’ULTIMO TASSELLO APPOSTO AL LORO PUZZLE PER SALVARSI RECIPROCAMENTE IL SEDERE.

Ieri Letta parlava di ‘mescolarsi’ e ‘scongelarsi’…..la parola ‘collaborazione’, evidentemente, non appartiene al loro vocabolario. Sono abituati ad inciuci in cui confondono e ‘mescolano’ le loro identità in un unico magma acido ed indigesto! Vomitevole! Non ci mescoleremo MAI nel loro impasto avariato. Non li perdonerò di aver rubato il futuro alle generazioni che verranno. Continuerò a combattere perché vadano via il prima possibile, liberandoci della loro asfissiante e nauseabonda presenza. Nel frattempo vigilerò affinché non facciano ulteriori danni…

View original post 8 altre parole

Diario quotidiano – inizio settimana

Postato il Aggiornato il

#OCCUPYMONTECITORIO
L’iniziativa è il minimo per dei “falsi moralizzatori”, mentre aspettiamo che le forze politiche si degnino di dare il via ai lavori a cui sono chiamati e per cui (loro) sono lautamente pagati ed i loro partiti lautissimamente “rimborsati”. BASTA PERDERE TEMPO!

Carla Ruocco

Carissimi,

Il diario del M5S di Carla Ruoccoriprendiamo oggi la settimana parlamentare. Mi piacerebbe potervi dire che siamo a pieno regime ma purtroppo non è così. Si potrebbe fare molto di più. Il gruppo del Movimento 5 stelle lavora a ritmo serrato per concordare delle linee operative e per prepararsi alle future battaglie a tutto campo. Come già sapete ci troviamo però di fronte ad uno scenario desolante. La Camera e il Senato sono fermi. Passano solo gli atti del Governo, ma le Commissioni parlamentari non sono costituite. Forse la questione può risultare di difficile comprensione in realtà è un po’ tecnica. Vi farò, però, un paio di esempi. Le proposte di legge di iniziativa parlamentare devono essere discusse dalle Commissioni prima di arrivare in aula e quindi non possono essere approvate leggi che partano da deputati o senatori. Le risoluzioni in commissione, importanti atti che danno l’indirizzo al Governo su una determinata questione, non possono…

View original post 492 altre parole

Diario quotidiano – l’incontro segreto

Postato il Aggiornato il

Camera Cafè: linea diretta con i Parlamentari a 5 Stelle

Carla Ruocco

Carissimi,
Il diario del M5S di Carla Ruoccooggi non posso raccontarvi nulla perché sono stata ad un incontro segreto. Un incontro talmente segreto che ho visto le mie foto sul Corriere della sera. Questo incontro si è tenuto vicino a Fiumicino e posso dirvi che… si è mangiato benissimo. Ma non vi preoccupate: abbiamo pagato noi coi nostri soldi!

A parte gli scherzi si è trattato di un’occasione di confronto aperto. Beppe ci ha dato la solita carica e devo confessarvi che, dopo giorni di fatiche e polemiche, di notizie false e di agguati appena uscivamo dalla porta, un bel momento di condivisione ci voleva! Ci siamo ritrovati tutti e ci siamo sentiti più uniti che mai. Certo le opinioni possono e devono essere anche diverse. Non abbiamo mai rincorso l’unanimità. Ma, come ha detto Beppe, alla fin fine noi siamo più coesi di molti altri che sono d’accordo coi loro leader per il solo fatto…

View original post 87 altre parole