LAVORO: IN UMBRIA LA CRISI COLPISCE TUTTI I SETTORI, NESSUNO ESCLUSO Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Postato il

http://www.tizianaciprini.it/lavoro-in-umbria-la-crisi-colpisce-tutti-i-settori-nessuno-escluso/

Pro-memoria per #Renzi che oggi arriva in Umbria col treno: ++ Benvenuto nel PREDESERTO occupazionale UMBRO nell’era del #JOBSACT! ++
#LAVORO: IN #UMBRIA LA CRISI COLPISCE TUTTI I SETTORI, NESSUNO ESCLUSO
L’Umbria, che solo alcuni anni fa era considerata un’isola felice in termini economico-occupazionali, non riesce ad uscire da una crisi industriale senza precedenti, che ha colpito senza sconti tutti i
settori: agroalimentare, siderurgico, chimico e manifatturiero.
Attualmente, c’è il rischio concreto della scomparsa di alcune delle più importanti produzioni della regione, e non parliamo di una manciata di aziende: basti sapere che sono 165 le vertenze aperte in Umbria.
Solo per citarne alcune, c’è la vicenda #Perugina a destare forti preoccupazioni per le sorti lavorative future, in seguito ai 364 esuberi annunciati da #Nestlé, e con i contratti di solidarietà in
scadenza nel 2018, in barba agli impegni del Piano di rilancio e investimenti da 60 milioni di euro sottoscritti non più di un anno e mezzo fa dalla multinazionale con i sindacati.
Alla #Colussi di Petrignano d’Assisi, altra realtà storica e strategica del settore agroalimentare, il numero delle persone da mettere alla porta è salito a 125, nonostante il Gruppo sembrasse
aver superato il periodo più nero, tanto da mettere sul piatto 82 milioni di euro di investimenti.
Con il gruppo ex #Novelli sono 300 i lavoratori ad essere in bilico, date le incertezze future dei tre siti produttivi di Terni, Amelia e Spoleto, a rischio fallimento dopo che il tribunale di Castrovillari
ha respinto la proposta di concordato in continuità presentata dalla nuova proprietà (gruppo Alimenti Italiani).
Spoleto è anche sede di un’altra importante realtà industriale del settore metalmeccanico: la ex #Pozzi, azienda per la quale, entro il 31 ottobre prossimo, serve una proposta economica di acquisto, dato che scadrà anche la cassa integrazione per una buona parte dei 200
operai coinvolti. Diversamente, scatterà il fallimento.
Un’altra vertenza storica è quella che coinvolge i 200 lavoratori della ex #Merloni, per cui domani terminerà la mobilità, mentre per gli oltre 300 lavoratori della #JP Industries, che ha rilevato un
pezzo di attività del Gruppo, la cassa integrazione è scaduta il 23 settembre e sono in attesa che il Governo mantenga gli impegni presi, prolungando la cassa integrazione per tutto il 2018.
C’è poi la questione delle acciaierie ternane #Ast, la più grande azienda di tutta la regione, capace da sola di produrre circa il 15% del Pil regionale. Qui, la politica degli esuberi ha già prodotto i suoi effetti, seppure mitigati dall’accordo del dicembre 2014,
arrivato dopo una durissima vertenza e mesi di sciopero. Ora però, dopo la joint venture con il colosso indiano Tata Steel, la multinazionale tedesca #ThyssenKrupp ha annunciato lo scorporo dello stabilimento ternano dall’operazione, ma non ha chiarito ancora quali siano le intenzioni e i progetti per la più importante realtà produttiva dell’Umbria.
A fronte di questa grave situazione, il #Governo non può limitarsi ad elargire bonus e contributi a caso senza una visione di politica industriale di investimenti e sviluppo.
E’ evidente che stiamo parlando della salvaguardia, non solo di migliaia di posti di lavoro, ma di un intero territorio che rischia di risentire di un crack industriale gravissimo, con pesanti ripercussioni
occupazionali e con la prospettiva di una desertificazione aziendale dell’Umbria.
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Annunci

Con la partecipazione si vince #IoSostengoRousseau Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Postato il

http://www.beppegrillo.it/2017/10/con_la_partecipazione_si_vince_iosostengorousseau.html

di Paola Taverna

La piattaforma Rousseau è uno strumento unico al mondo che consente ad ogni cittadino di partecipare – grazie alla democrazia diretta – alla realizzazione del programma politico del proprio Paese. Personalmente mi occupo della funzione di “activism” che ripercorre la storia del MoVimento 5 Stelle, focalizza quello che è il presente dell’attività parlamentare, dell’attività nei Comuni del MoVimento stesso e che da la possibilità ad ogni persona, che vorrà attivarsi sul proprio territorio, di inserirsi in un canale di condivisione e di collaborazione con tutto il M5S.

Per fare questo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Un aiuto che vi consentirà di sentirvi parte integrante della realizzazione di un progetto che riguarda ognuno di voi: è un aiuto umano ed un aiuto economico. Puntiamo sul fatto che siamo tutti consapevoli di quanto è importante sentirsi parte fondamentale del proprio Paese. Grazie a tutti.

CLICCA QUI E SOSTIENI ROUSSEAU CON UNA DONAZIONE

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l’hashtag #IoSostengoRousseau
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Da oggi non staremo più zitti #IoCiMettoLaFaccia Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Postato il

http://www.beppegrillo.it/2017/10/da_oggi_non_staremo_piu_zitti_iocimettolafaccia.html

di Luigi Di Maio

Quando vi abbiamo detto in questi anni che sarebbe stata la campagna elettorale più scorretta della storia, non scherzavamo. Siamo sotto attacco, il MoVimento è sotto attacco. In questo momento stanno provando ad accerchiarci da tutti i lati: Tv e giornali, partiti e dirigenti pubblici lottizzati sanno che rischiano di perdere tutto: la Sicilia e il Paese. Ed è anche normale che provino a difendersi.

Lo fanno in Parlamento con una legge elettorale fatta ad hoc per far valere meno il voto al MoVimento 5 Stelle, lo fanno in Sicilia con una schiera di impresentabili a destra e sinistra, lo fanno sui media coprendo ogni vergogna dei partiti (come il candidato di Musumeci arrestato a poche settimane dal voto) e inventando non-notizie contro di noi. Altro che OSCE, qui il quadro generale sta assumendo davvero dei contorni inquietanti. Ve ne rendete conto da soli. Il nostro è un Paese martoriato, ma senza colpevoli. O meglio, gli unici additati come colpevoli dei media siamo noi che non abbiamo mai governato l’Italia. L’obbiettivo è chiaro: vogliono impedirci con tutti i mezzi che hanno di andare a governare la Sicilia, perché sanno che se succederà, poi governeremo l’Italia qualsiasi legge elettorale si inventino.

Da oggi però non staremo più zitti, ora si inizia a ribattere colpo su colpo. E’ il momento di metterci la faccia. Io ce la metterò ogni qualvolta ci sarà da raccontare la verità, fatelo anche voi. Non solo per il MoVimento 5 Stelle, ma per il Paese. Perché i cittadini hanno il diritto di essere informati correttamente per poter scegliere correttamente.

Oggi questo sistema attacca Chiara Appendino. A Torino, Fassino ha lasciato voragini nel bilancio del Comune e noi lo abbiamo denunciato, Chiara Appendino sta risanando i conti e il Pd l’ha denunciata. Il paradosso è che ad essere indagata su denuncia di chi ha sfasciato i conti del Comune è proprio chi lo sta risanando: Chiara Appendino.

Sarebbe una notizia di poco conto se non fosse che la maggior parte dei media fa parte di quel sistema che sta provando a sopravvivere e quindi questa vicenda è diventata la notizia del giorno. Credono di aver trovato la clava con cui colpire il MoVimento: presentare esposti contro di noi per cui la magistratura è tenuta ad aprire dei fascicoli, per poi farci attaccare facendo dire ai media che siamo indagati. Sono passati a dare addosso a Chiara, dopo che le due richieste di archiviazione a Virginia Raggi hanno dimostrato che il “caso Raggi-Romeo” era una bolla di sapone, su cui però la magistratura era tenuta a fare chiarezza. Meno male che sappiamo di poter contare su una magistratura indipendente, che non si fa influenzare da questo sistema.

Se aprirete un giornale a caso, troverete questa notizia in prima pagina. Sono gli stessi giornali che qualche giorno fa nascondevano la notizia dell’impresentabile Sindaco di Priolo candidato in Sicilia, arrestato per voto di scambio e ancora in lista per le elezioni regionali del 5 novembre, nonostante sia in cella. Vedrete anche oggi gli spazi che i Tg dedicheranno a questa notizia che è un atto dovuto, mentre continueranno il loro silenzio omertoso sugli impresentabili, arrestati e condannati, candidati in Sicilia.

È raccapricciante. Quando Chiara Appendino ha denunciato Fassino per i debiti lasciati, erano distratti da altro. Di Sala indagato nessun italiano ne ha sentito parlare. Oggi tutti con i titoloni a nove colonne, solo per una denuncia del Pd. Riuscite a vedere cosa stanno combinando? Bene. E’ ora di sottrarsi a questo gioco. La verità non esiste più, la notiziabilità non esiste più, l’informazione non esiste più. Qui esiste solo un imperativo categorico a cui i media obbediscono: dagli addosso al MoVimento 5 Stelle.

È un sistema che si difende. Che sta provando tutto insieme a difendersi dai cittadini che si fanno Stato. Noi ce la metteremo tutta per mandarli a casa e restituire libertà di voto, di informazione e di partecipazione agli italiani. Ma chiediamo a tutti uno sforzo ulteriore, e lo faremo noi per primi. Diffondiamo noi le notizie e denunciamo ogni falsità dei media. Evidenziamo ogni titolo falso. Smascheriamo ogni servizio fazioso. Abbiamo la Rete e soprattutto la nostra parola di uomini e donne libere, raccontiamo a tutti come stanno le cose, discutiamone, mostriamo le prove della farsa a cui stiamo assistendo. E’ il momento di metterci la faccia. La nostra, pulita, contro la loro, impresentabile. Presto li ringrazieremo per la visibilità che ci hanno dato. Ogni attacco è un’occasione per raccontare chi siamo. Forza!

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l’hashtag #IoSostengoRousseau
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Col taglio dei nostri stipendi finanziamo la Sanità campana Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Postato il

http://www.beppegrillo.it/2017/10/col_taglio_dei_nostri_stipendi_finanziamo_la_sanita_campana.html

di MoVimento 5 Stelle Campania

Attrezzature e strumenti diagnostici destinati ai disastrati ospedali della Campania e acquistati grazie al taglio volontario dei nostri stipendi di consiglieri regionali. E’ l’iniziativa #restituiamoperlasanità che abbiamo lanciato all’ospedale Loreto Mare di Napoli, dove, alla presenza del direttore sanitario dell’Asl e dell’ospedale, del responsabile del pronto soccorso, del nostro deputato Salvatore Micillo e di tanti cittadini, abbiamo donato e consegnato ufficialmente un ecografo e due concentratori di ossigeno, che serviranno per gli accertamenti diagnostici e l’assistenza dei quasi 70mila pazienti che ogni anno si rivolgono al pronto soccorso dell’ospedale partenopeo. In una regione come la Campania, ultima in Italia per i livelli essenziali di assistenza, con la sanità devastata dai continui tagli, con ospedali e reparti chiusi e quelli che restano in cui manca spesso anche l’essenziale, noi 7 consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle abbiamo voluto dare un contributo concreto per restituire dignità alla sanità pubblica.

Col nostro esempio vogliamo dimostrare che con la rinuncia ai privilegi odiosi della politica si può fare tanto per la Campania, in questo caso per la sanità, le cui gravissime carenze ricadono su tutti i cittadini. Con l’ecografo donato oggi al Loreto Mare, ad esempio, si potranno accelerare i tempi per la diagnosi di lesioni interne ai pazienti politraumatizzati che arrivano al pronto soccorso e questo potrebbe voler dire salvare vite umane. Quella di oggi è solo la prima iniziativa per la sanità, a cui seguiranno delle altre, e che riguardi proprio il Loreto Mare, uno degli ospedali più bistrattati della Campania, dà al nostro gesto un significato ancora più forte: sulla sanità pubblica bisogna investire, tagliando non le risorse ma gli sprechi e mettendo gli operatori sanitari nelle condizioni di poter lavorare.

Oggi negli ospedali campani manca di tutto, dai termometri alle apparecchiature più sofisticate, alle barelle, ma intanto De Luca ha aumentato di 2 milioni all’anno la spesa per i super stipendi dei suoi manager, invece di destinarli a migliorare l’assistenza. Con questo nostro gesto non crediamo di risolvere i problemi della sanità campana, ma vogliamo dare anzitutto un contributo concreto e poi lanciare un messaggio politico forte: mentre in questa Regione si lavora per smantellare la sanità pubblica, noi investiamo parte dei nostri stipendi per restituirle dignità. Per questo invitiamo i cittadini e gli operatori sanitari a segnalarci le carenze e gli interventi che potremmo effettuare in altri ospedali della Campania.

Durante la conferenza stampa che si è tenuta davanti all’ospedale abbiamo inoltre consegnato simbolicamente ai cittadini campani un maxi assegno da oltre 428.000 euro, che è la cifra derivante dagli stipendi tagliati e accantonati fino ad aprile scorso in meno di due anni di lavoro in Consiglio regionale, di cui circa 106 mila euro già spesi e utilizzati per ripristinare i laboratori multimediali dell’istituto Rampone di Benevento devastato dall’alluvione del 2015, e altri 33mila euro per l’acquisto dell’ecografo e dei due concentratori di ossigeno per l’ospedale Loreto Mare di Napoli.
Mentre De Luca, che con tutta la sua giunta e la sua maggioranza non si sono tagliati un solo euro di stipendio, sbraita dagli schermi tv buttando fango sul M5S, noi rispondiamo alle menzogne con fatti concreti, dimostrando che la politica può essere davvero un servizio nobile a tutta la collettività. Se anche gli altri consiglieri e assessori della Regione Campania facessero come il Movimento 5 Stelle in 5 anni di legislatura restituiremmo ai cittadini campani almeno 10 milioni di euro.

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l’hashtag #IoSostengoRousseau
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

PAC: il Regolamento OMNIBUS è pronto per il Parlamento Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

Postato il

http://www.filippogallinella.it/?p=4174

La revisione di medio termine della PAC è in dirittura di approvazione. La votazione al Parlamento europeo è prevista per il nove novembre. Di seguito quanto uscito dall’accordo tra Parlamento e Consiglio.
Agricoltore attivo: disciplinata nel 2013 per evitare che le risorse PAC finissero nelle mani di chi agricoltore non è. Nell’accordo viene mantenuta la definizione di agricoltore attivo, con la possibilità di deroghe specifiche strumentali a contenere il carico amministrativo degli SM previa approvazione della Commissione.
Pagamenti diretti: per quanto concerne il greening, sono state apportate semplificazioni rilevanti per le colture sommerse (riso), per le quali si allentano i limiti originariamente imposti; oltre questo per tutti gli agricoltori che investono oltre il 75% della propria superficie agricola in leguminose e foraggere e per tutti coloro che lasciano a riposo oltre il 75% della loro superficie l’obbligo viene cancellato, indipendentemente dall’ampiezza dell’azienda, risolvendo il problema dei medicai. Sempre sul greening, l’obbligo del focus ecologico viene eliminato per tutti coloro che lasciano a riposo oltre il 75% della loro superficie e viene valorizzato il ruolo ambientale delle azoto fissatrici.
Giovani agricoltori: nei pagamenti diretti gli SM la potranno raddoppiare le risorse al cosiddetto pagamento giovani introdotto nel 2013,
Aiuti accoppiati: gli Stati Membri potr<nno rivedere annualmente i settori beneficiari, in chiave anti-ciclica.
Sulla gestione del rischio in agricoltura è stato finalmente proposto di abbassare la soglia di indennizzo contemplata per il nuovo meccanismo di stabilizzazione dei redditi settoriale che è stato anche esteso alle assicurazioni, portando al 20% la perdita di prodotto necessaria per l’attivazione del pagamento del premio. E’ stato anche innalzato dal 65 al 70% l’intensità del contributo pubblico, e introdotto la possibilità di utilizzare indici economici per la misurazione delle perdite.
Nell’ambito dello sviluppo rurale vi è l’indirizzo di rafforzare gli effetti delle provvidenze per il primo insediamento dei giovani, la partecipazione ai regimi di qualità e gli investimenti effettuati dagli agricoltori nell’ambito dei piani di sviluppo rurale.
Relativamente alle misure di mercato la direzione è di dare maggiore forza contrattuale alle formule organizzative degli agricoltori. Le OP e AOP operanti nel settore lattiero caseario potranno avvalersi della contrattualizzazione scritta obbligatoria, e le misure del pacchetto latte vengono estese oltre il 2020. Inoltre c’è la proposta di revisione dell’intervento per affrontare le crisi di mercato, dando immediatezza alle misure di riduzione della produzione, utilizzate con successo durante la crisi del latte.
Questo è l’oggetto dell’accordo, ora attendiamo la votazione del Parlamento. Personalmente le questioni importanti sono tre: abbassamento della gestione del rischio, erba medica come greening e controllo dell’offerta. L’assente è la visione futura della PAC post 2020 che secondo me dovrebbe essere calendarizzata il giorno dopo la votazione del nove novembre.
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali

#TagliateIVitalizi, non la democrazia! Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali Attivismo – Fabro Mobilità: le corse autobus vanno ulteriormente potenziate

Postato il

http://www.beppegrillo.it/2017/10/tagliateivitalizi_non_la_democrazia.html

di Vito Crimi

Per ben due volte nei mesi scorsi abbiamo lanciato l’allarme: vogliono affossare in Senato la legge che abolisce i vitalizi dei parlamentari. Oggi preparatevi perchè potrebbe arrivare la prova del nove e i partiti potrebbero tentare il colpo di mano definitivo: decidere di portare in Aula non la legge sui vitalizi nell’interesse dei cittadini, ma la legge elettorale truffa appena uscita dalla Camera, che di interessi fa solo quelli di Pd, Forza Italia, Lega, Alfano e Verdini.

L’appuntamento è oggi alle ore 13, quando la Conferenza dei capigruppo si riunirà per decidere quali provvedimenti calendarizzare in Aula. La maggioranza, sostenuta dai suoi sodali, proverà a far finire su un binario morto la legge sui vitalizi, lasciandola marcire in Commissione, e a dare la priorità al Rosatellum, che così potrà arrivare in Aula nel giro di pochi giorni ed essere approvato definitivamente e con una nuova fiducia prima della legge di bilancio, che terrà impegnato il Parlamento fine alla fine dell’anno. In sostanza, addio legge sull’abolizione dei vitalizi.

Se i partiti volessero, la legge Richetti si potrebbe approvare in un batter d’occhio. Il punto è che non la vogliono: non la vuole il PD, che su questa legge ha fatto finta di metterci la firma e la faccia ingannando gli italiani. E non la vogliono gli altri grandi partiti. L’unica forza a sostenerla davvero è stata sempre e solo il MoVimento 5 Stelle.

Al PD, Forza Italia, Alfano, Verdini e Lega interessa solo una cosa: approvarsi in fretta e furia una legge elettorale su misura con la speranza di far fuori il MoVimento 5 Stelle e impedirgli di andare al governo. Pazienza se poi la legge è una truffa che non garantisce né rappresentatività né governabilità e ignora tutte le precedenti sentenze della Consulta in materia. L’abolizione dei vitalizi dicono che è incostituzionale, però poi dell’incostituzionalità della loro legge elettorale se ne infischiano alla grande. Il vitalizio non lo tagliano, ma la democrazia sì.

ll Rosatellum incentiva la formazione di ammucchiate e liste civetta, fa sì che il voto di un terzo degli elettori peserà meno di quello di tutti quanti gli altri, non ha le preferenze e lascia ai segretari di partito il potere assoluto di scelta sui candidati. Così anche alle elezioni politiche – proprio come sta avvenendo in Sicilia – ci ritroveremo con liste di impresentabili, senza però nemmeno la possibilità di scegliere se votarli o meno.

Se oggi davvero avranno il coraggio di dare la priorità alla legge elettorale invece che a quella sui vitalizi, se davvero sceglieranno ancora una volta i loro interessi a scapito di quelli dei cittadini, sappiano che alle prossime elezioni raccoglieranno i frutti avvelenati della loro disonestà. Possono scriversi una legge elettorale su misura, possono provare a forzare le regole del gioco, ma il MoVimento 5 Stelle andrà in giro per le piazze e per le città a raccontare le loro porcate e chi ha a cuore la democrazia e il futuro di questo Paese non rimarrà indifferente.

——————————————

Le tappe di oggi dello #SceglieteIlFuturo tour con Giancarlo Cancelleri e Luigi Di Maio

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l’hashtag #IoSostengoRousseau
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali
http://attivismo.forumfree.it/?t=74943212&view=getlastpost#lastpost

Tue, 10 Oct 2017 12:00:03 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Fabro Mobilità: le corse autobus vanno ulteriormente potenziate

#RosatellumIncostituzionale: se voti uno ne eleggi un altro Aggiornamenti dal Blog – Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali Attivismo – Fabro Mobilità: le corse autobus vanno ulteriormente potenziate

Postato il

http://www.beppegrillo.it/2017/10/rosatellumincostituzionale_se_voti_uno_ne_eleggi_un_altro.html

da Il Fatto Quotidiano

È “l’imbroglio degli imbrogli”, un “autentico specchietto per le allodole”, “l’apoteosi dei nominati” anzi “siamo proprio al truffellum”, tanto per adeguarsi all’uso della desinenza del genere neutro latino che mai come nel caso del “Rosatellum” bis fu così distante dalla sostanza: Gianluigi Pellegrino, al telefono, è un fiume in piena. Il giurista salentino, figlio dell’ex presidente della commissione bicamerale d’inchiesta sulle stragi, coi suoi ricorsi anti-furbate ha messo nei guai politici del calibro del governatore della Campania, Vincenzo De Luca ma anche Berlusconi, Alemanno e Renata Polverini. A lui quel famigerato, per molti costituzionalisti, testo votato l’altro ieri alla Camera proprio non va giù.

A quale parte del disegno di legge, tra le tante contestate finora, si riferisce?
A quella in cui si dice che i voti dati e presi a favore del candidato al collegio uninominale si attribuiscono proporzionalmente alle liste a lui collegate.

Dov’è lo scandalo?
La truffa, vuole dire, sta nella ripartizione dei voti di chi non è stato eletto nell’uninominale tra i candidati nella lista bloccata: in pratica l’elettore crede di aver espresso la volontà di eleggere una persona mettendo una crocetta sul suo nome e invece vota qualcun altro. Non accade in nessun paese del mondo.

E se non si mette la crocetta sul partito?
Anche se per paradosso i simboli delle liste bloccate non li contrassegna nessuno la lista verrà comunque votata dagli elettori che hanno espresso la loro preferenza per il candidato nel collegio uninominale a essi collegati.

Per la prima volta nella storia io prendo i voti ma viene eletto qualcun altro, indicato dai partiti, giusto?
Il paradosso e l’inganno è proprio questo, la caratteristica dei sistemi elettorali basati sui collegi uninominali è il rapporto diretto tra elettore e candidato, i partiti cercano dei volti che abbiano un forte appeal sull’opinione pubblica per aumentare i consensi, ma con il Rosatellum il viso del votato si sfila dopo le elezioni e ne compare un altro: è l’apoteosi dei nominati.

Quale sarebbe la conseguenza dell’applicazione di questo sistema nei futuri collegi?
Le prossime elezioni saranno con ogni probabilità una gara tra minoranze: il 25-30% dei voti basterà a far eleggere il primo arrivato, il restante 75% non servirà a mandare in Parlamento i candidati che lo hanno raccolto ma a far scattare il seggio per i nomi della lista collegata; in questo modo gran parte degli elettori saranno derubati del loro voto e solo una piccola parte andrà a eleggere il vincitore.

Un’altra norma destinata a essere bocciata dalla Corte costituzionale?
È molto probabile. La volontà espressa dall’elettore non può essere così clamorosamente smentita, ci sono sistemi che implicano elezioni a catena, come per i sindaci, ma che io voto uno e si elegge l’altro è inaccettabile.

Si doveva allora andare a votare con il patchwork che ci hanno lasciato le pronunce della Consulta?
Si poteva applicare quanto ha stabilito la Corte costituzionale e il Consiglio d’Europa, che ci permette di mettere mano alle leggi elettorali anche a meno di un anno dalle elezioni, a patto che non si sconvolga l’impianto di fondo. L’ultima legge votata era stata l’Italicum che prevedeva un sistema maggioritario e il ballottaggio sul quale la Consulta non ha eccepito; la bocciatura ha riguardato invece la mancata fissazione di una soglia di partecipazione degli elettori al ballottaggio, sotto la quale non scatta il premio di maggioranza, bastava applicare quel sistema ed estenderlo all’altra Camera per evitare l’imbroglio degli imbrogli.

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l’hashtag #IoSostengoRousseau
http://attivismo.forumfree.it/?t=74958926&view=getlastpost#lastpost

Sun, 15 Oct 2017 09:20:21 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Lazio: in bocca al lupo ai nostri vicini per le regionali
http://attivismo.forumfree.it/?t=74943212&view=getlastpost#lastpost

Tue, 10 Oct 2017 12:00:03 +0000di: Staff Forum (Silvio Torre)in: Fabro Mobilità: le corse autobus vanno ulteriormente potenziate